giovedì, Febbraio 29

Le mappe Frank&Frank: cartografie di lusso art-design

L’art-design incontra le mappe di Frank&Frank: oggetti emozionali che stanno conquistando il mondo

Le mappe di Frank&Frank non sono semplici oggetti di design da appendere al muro. Difficile descrivere un progetto di successo e non solo sulla carta. Occorre avere una visione a 360° per ideare e realizzare qualcosa che per sua complessità (anche emotiva) non ha rivali. “L’opera che perdura è sempre capace di un’infinita e plastica ambiguità; è tutto per tutti; è uno specchio che svela tratti del lettore ed è insieme una mappa del mondo“, scrisse lo scrittore argentino Jorge Luis Borges. Nelle sue parole si scorge l’essenza di un marchio sorprendente che delle cartografie rimanda alla fascinosa storia di conquiste e approdi.

Intagli e pelle pregiata di strade e vicoli delle città più importanti del pianeta ma anche di luoghi conosciuti unicamente al committente. Geometricamente perfette in una sintesi artistica che è il “vero fascino del progetto”.

In primo piano, la mappa di Washington in ambiente privato
In primo piano, la mappa di Washington

L’intervista

Frank&Frank: la cartografia antica diventa una lussureggiante mappa su pelle: come nasce questo progetto artistico unico nel suo genere?

Il progetto Frank&Frank nasce dall’idea di trasformare in bellezza la cartografia delle città e da una potente riflessione sull’emozione della visione del mondo. Le città sono sempre state territorio di scrittura, luogo delle nostre esistenze dove le epoche e le culture che si sono susseguite restituiscono il senso della geometria dell’abitare come ricchezza.

Realizziamo queste mappe con il preciso intento di creare oggetti di art-design assolutamente inconsueti e inaspettati che trasmettono il senso del viaggio. Il nostro è un progetto che si ispira alle antiche mappe in pelle dei viaggiatori ma con un taglio moderno, destinato alla sensibilità del nostro tempo. 

La superficie, il colore, le strutture geometriche che compongono le nostre mappe permettono di vedere il mondo con occhi nuovi e curiosi.

Come nasce la cartografia Frank&Frank?

Ri-disegnare la mappa delle città proponendo, al cliente, un’opera geometrica che stabilisce un rapporto velato ma intimo tra vita quotidiana e oggetto d’arte: immagino non sia stato un esercizio semplice? 

Certo, non è stato un esercizio semplice ma in realtà questa sintesi è arrivata in modo naturale. Nel momento in cui iniziamo a ridurre l’immagine satellitare del luogo da rappresentare ad una struttura fatta di linee e spazi, la città emerge nella sua forma più pura. Questo è un processo di riduzione della città dove, senza alterarne la struttura originale, attuiamo una sintesi artistica che è il vero fascino del nostro progetto. È necessario conoscere virtualmente o personalmente i luoghi da noi realizzati, perché rappresentare una città, riducendola e sintetizzandola a forme geometriche, è un po’ come sentirla propria. Spesso sono gli stessi clienti a darci indicazioni e suggestioni utili a meglio rappresentare il luogo su cui lavoreremo.

Quando ci chiedono di caratterizzare la mappa con le coordinate terrestri relative ad un luogo specifico, la cartografia classica lascia lo spazio ad una sorta di cartografia delle emozioni, un luogo dove la vita quotidiana e l’arte si incontrano.

Alcuni esempi di cartografie Frank&Frank
Alcuni esempi di cartografie Frank&Frank

Le mappe sono realizzate con pelli pregiate e lavorate con tecniche naturali: ci spiegate il processo di produzione?

Abbiamo molto rispetto per il materiale che utilizziamo e una forte sensibilità nei confronti della vita che hanno rappresentato. Utilizziamo pelle conciata al vegetale, tinta con tannini vegetali ottenuti dal tronco e dalla corteccia degli alberi. L’estrazione di queste sostanze naturali avviene in modo da non danneggiare il patrimonio ligneo in quanto scarto della lavorazione del legno, la pelle è colorata con sostanze derivanti da piante e fiori e per questo con sfumature che rendono sempre diverse e uniche ogni singola mappa. 

Per questo motivo ogni mappa è un pezzo irripetibile in quanto non riproducibile.

Sono biodegradabili e ipoallergeniche, prive di cromo, metalli e sostanze chimiche sintetiche.

Il particolare intaglio laser della mappa di Milano
Il particolare intaglio laser delle mappe

Come contestualizzare le mappe nell’ambiente.

Immaginiamo le mappe negli ambienti che viviamo quotidianamente: come possiamo contestualizzarle negli uffici e nelle nostre abitazioni?

Le nostre mappe hanno la straordinaria capacità di entrare in relazione con l’ambiente che le ospita. Case private, hotel, museum store, uffici, qualsiasi luogo classico o moderno è valorizzato dalla loro presenza. Sono uno straordinario elemento di attrazione negli ambienti in cui viviamo. Possono essere appese a muro grazie a un sistema di calamite già predisposto e di facile posa.

Questo permette di apporle su qualsiasi superficie anche non lineare (pareti tonde o dove non sia possibile apporre dei chiodi).

Le mappe in pelle possono essere anche incorniciate, sono un’idea pop che mescola una cornice classica o lineare con la nostra visione moderna del design. La mappa in pelle, chiusa all’interno di un doppio vetro, ha un effetto di sospensione.

Cartografia della città di New York in pelle nera
Cartografia della città di New York

La superficie della pelle e la geometria della città generano insieme un effetto visivo che rappresenta il vero fascino di questo progetto. Questa è la bellezza degli opposti, nella capacità che hanno elementi diversi di generare tra loro una relazione in qualsiasi ambiente. Non sono quadri, non sono sculture, sono le mappe in pelle delle città di Frank&Frank.

Per saperne di più sul marchio, clicca qui