giovedì, Febbraio 29

Il senso dei profumi per Venezia

Venezia, non solo canali e Serenissima … La laguna che tutti dovrebbero conoscere

Venezia a primavera. Periodo perfetto per visitare la Serenissima. Il clima è mite, la folla è ancora in là da venire, si può gironzolare fra le calli a naso in su, ammirando il dipanarsi delle architetture che, come pizzi antichi, incorniciano la città, rispecchiandosi nei mille canali. E proprio il naso, ed il senso dell’olfatto, il protagonista del viaggio che oggi vi propongo. Seguitemi, andremo alla scoperta dei profumi veneziani.

La storia dell’arte profumiera veneziana è antica quanto la città stessa; e Venezia è una città plurimillenaria. La Porta d’Oriente è stata per secoli la patria di mercanzie indissolubilmente legate al lusso e, di fatto, non c’è cosa più effimera e lussuosa dei profumi. 

Secolo dopo secolo le botteghe veneziane dei profumieri hanno creato essenze rare, profumi delicati e ricercati, cosmetici e pomate odorose, inondando l’occidente con una sinfonia aromatica che evocava luoghi misteriosi, lontani ed affascinanti. Secolo dopo secolo i Mercanti di Venezia iniziavano le corti nordeuropee ad un mondo fatto di raffinatezza, eleganza, esclusività, avvolgendo il tutto con i pregiati lacci dei profumi. 

C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\275869186_3229650140590273_435683135524723014_n.jpg
Gyokuro
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\1200.jpg
Rotte di Venezia
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\o.yG2W2HL5ZoU.jpg
Venezia 1600

Venendo ai tempi moderni una dinastia, che da secoli è presente nel Libro d’Argento delle famiglie originarie di Venezia, si è contraddistinta in questa arte antica e quasi misteriosa: i Vidal.

Per chi, come me, ha più di un filo d’argento fra i capelli il nome Vidal rievoca una famosa pubblicità degli anni Settanta, con un cavallo bianco che correva lungo le sponde di un lago ed una voce che raccontava l’inconfondibile fragranza dei loro bagnoschiuma.

Da allora molta strada è stata fatta. Nel 1986 il “patron” Massimo Vidal creò Mavive, azienda oggi licenziataria dei marchi Furla, Police ed Ermanno Scervino. Nel 2013 suo figlio Marco Vidal (nato nel 1981) crea il brand “The Merchant of Venice”, lanciando sul mercato una vasta gamma di fragranze che si rifanno proprio all’antica tradizione dei maestri profumatori veneziani. 

C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\22104315_282238738934978_7568790598092718325_o.jpg
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\66ec.jpg
Marco Vidal
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\28058373_1642055779194823_8863716447865625290_n.jpg
La Fenice

Questo viaggio nell’affasciante mondo dei profumi di “The Merchant of Venice” ha inizio dalla storica Spezieria e Farmacia all’Ercole d’Oro a Santa Fosca, nel Sestiere di Cannaregio. A Venezia è conosciuta per la raffinatezza del mobilio e della vaseria, arrivati entrambi intatti dal 1600. Un ambiente di impareggiabile bellezza, meta quotidiana di ammiratori da tutto il mondo. Basta varcare la soglia per respirare l’essenza stessa della storia veneziana. 

C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\FarmaciaErcoled'Oro.jpg

Altra tappa obbligata, giusto a dieci minuti di distanza, è il Museo del Profumo a Palazzo Mocenigo. Defilato rispetto ai palazzi che sorgono sul Canal Grande, è un imponente e signorile dimora, di impronta seicentesca, lasciata in eredità nel 1945 al comune di Venezia dall’ultimo esponente della casata il Conte Alvise Nicolò Mocenigo.   

Sede dal 1985 del Museo di storia del Tessuto e del Costume, dal 2013, grazie all’apporto della famiglia Vidal, ospita anche il nuovo Museo del Profumo. In cinque sale si dipana la storia dell’arte profumiera veneziana, e fa bella mostra la ricostruzione di un antico laboratorio da muschiere (termine che in un lontano passato indicava la professione dei maestri profumatori veneziani). 

C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\40.jpg
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\MUVE-MOCENIGO-Portego-al-primo-piano-panoramica.jpg
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\profumo1.jpg
Museo del Profumo

Attraversato il Ponte di Rialto si arriva alla tappa successiva, il Campo di San Fantin. Qui, a due passi dall’ingresso del Teatro alla Fenice, si apre la meravigliosa farmacia creata nel 1846 dall’architetto Giambattista Meduna. Fra gli antichi rivestimenti in noce e le quattro sculture di Pietro Zandomeneghi (la Botanica, la Medica, la Chirurgia e la Fisica) fanno bella mostra di sé i flaconi in vetro di Murano creati per accogliere essenze dai nomi evocativi: La Fenice, Nobil Homo, Venezia 1600, Imperial Emerald e Segreti Nobilissimi. 

C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\241995779_3093675294187759_707754195266111792_n.jpg
Flamant Rose EDP
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\DSC_2518.JPG
Alcune fragranze di Bottega Cini
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\272765110_3193744107514210_561887721875027308_n.jpg
Imperial Emerald

Da un ponte all’altro attraversando il Ponte dell’Accademia arriviamo alla Galleria di Palazzo Cini, di fronte alla quale si apre l’omonima Bottega Cini. Questa “bottega artigianale” nasce dalla sinergia fra i Vidal, la Fondazione Archivio Vittorio Cini e Museyoum, impresa sociale collegata all’arte, all’innovazione, alle tecnologie virtuali e all’intelligenza artificiale (è fantastica: museoyoum.com). 

Il fine è mantenere viva la tradizione veneziana che riguarda la produzione ed il commercio di raffinati beni artistici e di consumo: libri, vetri, profumi, oggetti, strizzando l’occhio alla nuova realtà virtuale ed immersiva.  

Tra le eccellenze: il laboratorio dell’Impiraressa Marisa Convento per la produzione di collane e monili (Impiraressa, letteralmente infilza perle), l’antica vetreria NasonMoretti, le case editrici Marsilio e Lineadacqua, l’antica cartiera artigiana Toscolano 1381. 

C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\269961126_3169208523301102_8146271153939860727_n.jpg
Colonia Veneziana
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\bottega-cini-1.jpg
La facciata di Bottega Cini
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\175159880_293924419026210_4777941679918544967_n.jpg
Bottega Cini

Infine, nei pressi di Piazza San Marco, in calle de la Canonica, si trova la Libreria Studium, nuovo investimento di Marco Vidal e “atto d’amore” verso il mondo culturale veneziano. La libreria è un punto d’incontro storico per studiosi e studenti. Il 10 aprile riaprirà in un’ottica di elegante accoglienza, offrendo un nuovo catalogo dei titoli disponibili, allargato e rinnovato attraverso la collaborazione diretta con le migliori case editrici veneziane, italiane, francesi, inglesi, spagnole e tedesche.

In questi tempi di crisi, che colpisce fortemente il settore dei libri, investire nella cultura è un atto rivoluzionario. Ma gli spiriti innovativi sanno vedere oltre e mettere le basi per un nuovo futuro.

C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\274052289_4864885680267495_6115725952366864337_n.jpg
Libreria Studium
C:\Users\fcori\Desktop\VOLGARE ITALIANO\Marco Vidal\273869583_4833949703361093_6498647119698024872_n.jpg
Alcuni testi da consultare in Libreria Studium

Palazzo Mocenigo

The Merchant of Venice

Bottega Cini

Il castello di Sannazzaro.