Our website use cookies to improve and personalize your experience and to display advertisements(if any). Our website may also include cookies from third parties like Google Adsense, Google Analytics, Youtube. By using the website, you consent to the use of cookies. We have updated our Privacy Policy. Please click on the button to check our Privacy Policy.
Maya Ruiz Picasso assieme al padre Pablo

È morta Maya Ruiz-Picasso

L’artista aveva 87 anni. Era la musa ispiratrice del padre Pablo Picasso

Il 20 dicembre scorso si è spenta, all’età di 87 anni, Maya Ruiz-Picasso, la figlia segreta (ma non troppo) dell’artista spagnolo Pablo Picasso, nata in seguito a una relazione clandestina con la modella francese Marie-Thérèse Walter, incontrata alle Galeries Lafayette e morta suicida all’età di 68 anni. Nota per la sua attività di fotografa, spesso è stata ritratta dal padre nei suoi innumerevoli dipinti cubisti.

Marie Thérèse, madre di Maya Ruiz Picasso ritratta da Pablo Picasso
Marie Thérèse ritratta da Pablo Picasso

Nata nel 1935, María de la Concepción Picasso è la custode dell’attività artistica di Picasso e soggetto di alcuni dei dipinti più celebrati dalla critica tra cui Maya à la poupée (1938) e Maya au costume de marin (1938).

Maya au costume de marin (1938)
Maya à la poupée (1938)

Cresciuta con il dividere l’affetto del genitore con i fratellastri Paloma, Paolo e Claude, nel 1960 contrae matrimonio con un soldato della marina militare, Pierre Widmaier. Dalla loro relazione nacquero tre figli: Olivier, Richard e Diana Widmaier Picasso

Solo di recente è stato trasmesso “Maya dans l’oeil de Pablo”: il docu-film diretto dal regista François Lévy-Kuentz, che svela il legame tra padre e figlia. Un rapporto intimo e comprensibilmente forte.

Maya Ruiz-Picasso in compagnia del padre
Pablo e Maya ritratti assieme

Un tratto della loro quotidianità è svelato anche nel libro Picasso e Maya: “Eravamo a tavola, improvvisamente voleva immortalare un’espressione, un atteggiamento. ‘Non muoverti!’, mi diceva, affannato, mentre cercava carta, matite, lavagna, un quaderno…“, scrisse.

Le donazioni di Maya Ruiz-Picasso

Nel 1977, il corpo della madre fu ritrovato senza vita. Nel ’79, due anni dopo il grave lutto che l’aveva colpita, fece la sua prima grande donazione allo Stato francese per pagare gli oneri delle tasse di successione. Maya donò 203 quadri, 158 sculture e oltre 3mila disegni, manoscritti e altri oggetti. La sua ultima apparizione risale nell’ottobre del 2021 quando presenziò al Museo Picasso di Parigi, assieme ai figli Olivier e Diana, donando sei opere, un’opera etnografica, una statua e un album di schizzi appartenuti al padre.

Stefania Carpentieri
Author: Stefania Carpentieri

Ho fondato Mirabilia Magazine per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.

By Stefania Carpentieri

Ho fondato Mirabilia Magazine per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.

Related Posts

  • Conoscere Palazzo Ducale di Venezia

  • Tutto quello che devi sapere sui nuovi profumi Fendi

  • Superstones, la mostra di Giovanni Raspini

  • La mostra Swarovski a Milano è un inno al glamour

  • Bulgari Aeterna, un gioiello di profumo dentro e fuori

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.