Our website use cookies to improve and personalize your experience and to display advertisements(if any). Our website may also include cookies from third parties like Google Adsense, Google Analytics, Youtube. By using the website, you consent to the use of cookies. We have updated our Privacy Policy. Please click on the button to check our Privacy Policy.
Prada primavera/estate 2024

110 anni di storia per Prada estate 2024

110 anni di leggerezza per la maison milanese: Miuccia e Simons: “In questa collezione volevamo concentrarci sul lavoro, sui metodi e sull’artigianalità”

Unisex, giacche strutturate in una palette di colori generosa di austerità: nessun coup de théâtre per la maison milanese, che presenta la sua collezione primavera/estate 2024. Miuccia Prada e Raf Simons, però, focalizzano l’attenzione sull’artigianalità, perché il vero lusso è handmade.

Mario Prada, abile maestro pellettiere. 1913. Un nome, una storia tutta da scrivere. Un’avvincente intuizione che ha saputo raccontare l’evoluzione di una società lungo due gravi conflitti mondiali; ha vissuto la migliore età dell’arte italiana del Novecento; ha saputo raccontare i gusti della gente con fare personale, in modo che l’estetica essenziale ed essenzialista arrivasse tra la borghesia prima e alle nuove generazioni, poi. Pelletteria e poi prêt-àporter (la prima sfilata del marchio risale al 1988 con la presentazione della collezione autunno/inverno 1988).

Abito in organza

Per la primavera/estate 2024 di Prada, l’esercizio è semplice e ripetuto ormai da tempo: movimento e fluidità come diktat di un marchio.

I ricami realizzati interamente a mano e le frange sono il leitmotiv del defilé; a loro, il compito di spiegare l’idea del movimento e della fluidità inteso dal duo di stilisti. Organza effetto nuvola che non permette, però, di far intravedere la pelle nuda sotto i vestiti, micro shorts che si lasciano abbinare a iconiche giacche strutturate dalle larghe spalle. Ciò che rivela la presentazione è un cliché rigoroso che continua a piacere perché firma accessoria di un’idea.

Stefania Carpentieri
Author: Stefania Carpentieri

Ho fondato Mirabilia Magazine per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.

By Stefania Carpentieri

Ho fondato Mirabilia Magazine per un clic sbagliato. Senza ragionarci e senza la consapevolezza di averlo fatto. Ho lavorato sempre per gli altri avendo poca soddisfazione. Gli anni nell'editoria legata alla moda, bastano. Ora è il momento di guardare avanti. Sono un sagittario, capirete.

Related Posts

  • Intervista ad Andrea Viganò che ci racconta i nuovi obiettivi di TBD Eyewear

  • Conoscere Palazzo Ducale di Venezia

  • Virginie Viard lascia Chanel

  • L’uomo Gucci sfila alla Triennale di Milano

  • Bagai, il nuovo marchio di moda sostenibile dedicato ai bambini

No widgets found. Go to Widget page and add the widget in Offcanvas Sidebar Widget Area.