domenica, Febbraio 25

Vibrazioni alla sfilata Giorgio Armani SS24

Capi preziosi e leggeri: Giorgio Armani si divide tra Occidente e Oriente

La sfilata Giorgio Armani SS24, presentata nell’ultimo giorno della settimana della moda milanese, è la somma di tutte le esperienze vissute dal Maestro. Un defilé che narra i gloriosi anni Venti, in un mistificare terre lontane che oggi come nel Novecento, tornano a farci sognare.

Potremmo pensare che la collezione primavera/estate 2024 di Giorgio Armani si sia ispirata alle iconiche locandine che annunciavano, nella cosmopolita Parigi del 1910, l’arrivo dei Balletti Russi di Sergej Pavlovič Djagilev. Oltre un secolo fa, la borghesia sentii forte il richiamo allo sfarzo e all’eleganza orientaleggiante che oggi, pare sia un’isola sicura dove fuggire dalla dannosa omologazione.

Tutto vibra: colori, sensazioni, sentimenti. Questa stagione le vibrazioni diventano visibili: percorrono intere superfici in movimenti ondulatori, in intrecci increspati, espandono la gamma cromatica per toccare note di bronzo e argento, accendersi di verdi e viola preziosi e infine arrivare al bianco che dilaga nella sera“, racconta lo stilista.

Sfilata Giorgio Armani SS24
Lungo abito a tasselli di tessuto

Opulenza che rassicura, il dettaglio che fa la differenza. L’utilizzo supremo che Armani fa dei tessuti di gran pregio è il chiaro sigillo di garanzia del Made in Italy, che con le sue eccellenza ha ancora tanto da raccontare, apprestandosi a conquistare l’est.

In questa collezione, il cielo e il mare si incontrano in una linea sottile che marca una palette di colore che ricorda le alte dune del deserto con i cieli tersi che si adagiano su uno specchio d’acqua sul quale navigano i sogni di Re Giorgio.

Gonna di organza leggera su pantaloni

I capi della collezione Giorgio Armani SS24

Il defilé è stato un susseguirsi di abiti bon ton. I top si chiudono come piccole giacche, la maestria degli artigiani che lavorano con Giorgio trova sfoggia sul soprabito realizzato da strisce di tessuto tagliate a onda; gli immancabili pantaloni in raso e ancora l’abito in tulle effetto ondulato, la gonna in organza che sovrasta, come le onde, un paio di pantaloni dal taglio maschile. Il nodo, infine, movimenta un elegantissimo top dalla profonda scollatura e dal colore del mare.